Salta al contenuto
Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web
Blog Blog

Provare qualcosa di nuovo per 30 giorni

Provare qualcosa di nuovo per 30 giorni

Alcuni anni fa il filosofo americano Morgan Spurlock tentò un un esperimento che chiamò  30 Days, esperimento che divenne poi un reality di cui lo stesso Spurlock fu protagonista e produrre esecutivo.

Provare qualcosa di nuovo per 30 giorni. Era in questo che consisteva l’esperimento.

Un’idea semplice: pensare a qualcosa che si è sempre voluto fare, qualcosa da aggiungere alla vita, alla routine e provare a farla per 30 giorni consecutivi.

È scientificamente provato che 30 giorni siano sufficienti per introdurre una routine nella vita o per disfarsi di una vecchia.

“Ci sono alcune cose che ho imparato mentre tentavo queste sfide di 30 giorni- racconta Matt Curtis, ingegnere informatico che tempo fa ha desio di tentare il sopracitato esperimento, scattando una foto al giorno per 30 giorni.

La prima è stata che invece di mesi che si susseguivano spediti, anonimi, il tempo adesso sembrava assumere un valore diverso.”

Quello che Curtis ha notato è che prefiggendosi obiettivi mensili, sempre più ardui con il passare del tempo, la sua autostima era aumentata.

“Sono passato dall’essere un nerd informatico attaccato alla scrivania al tipo di ragazzo che va a lavoro in bici, per divertimento. L’anno scorso sono perfino rifinito a scalare il Kilimangiaro, la più alta vetta africana.

Non sarei mai stato tanto avventuroso da compiere una tale impresa prima di cominciare a prefiggermi obiettivi mensili.”

Ogni novembre, decine di migliaia di persone tentano di scrivere il proprio romanzo da 50.000 parole partendo dal nulla in 30 giorni.

In realtà basterebbe scrivere 1.667 parole al giorno per un mese. Scegliendo di non andare a dormire finchè non si è raggiunto il numero di parole prefissato.

“Magari perderete del sonno, ma finirete il vostro romanzo.- scherza Curtis- Il mio libro diventerà il prossimo grande romanzo americano? No. L’ho scritto in un mese. E’ pessimo.

Ma per il resto della mia vita, se incontrerò John Hodgman, non dovrò per forza dire, “Sono uno scienziato informatico.” No, no, se volessi potrei dire, “Sono uno scrittore.”

Se vuoi davvero qualcosa con tutto te stesso, puoi riuscire a fare qualsiasi cosa per 30 giorni.
Il segreto? Provare a fare cambiamenti piccoli e sostenibili.

Cose che riusciremo a portare avanti. Questo non vuole dire che i grandi e folli obiettivi non vadano bene, in realtà, sono quelli che scandiscono il ritmo di una vita movimentata.

Ma nel tempo sono più difficili da mantenere.

I prossimi 30 giorni passeranno comunque, perché non passarli facendo qualcosa che si è sempre voluto fare ma che non abbiamo mai fatto?

Commenti
Nessun commento. Vuoi essere il primo.
Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

"I miei interessi" è il blog di Conto Facto. 

In questo spazio racconteremo storie di persone che hanno creato valore mettendo i loro interessi al centro della loro vita.

Parleremo anche di attualità, di futuro, di come star bene, come migliorare la qualità della vita, come dare spazio a interessi e passioni.

Buona Lettura!

 

 

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web
Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web