Salta al contenuto
Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web
Blog Blog

Bitcoin? Cosa sappiamo. A che punto siamo.

Bitcoin? Cosa sappiamo. A che punto siamo.

Bitcoin, o com’è stato soprannominato l’oro digitale, è uno dei trend topic del momento e spesso lo si trova al centro di diatribe che lo vedono come “una frode destinata a scomparire” oppure “una rivoluzione votata al crescente successo”.

Bitcoin, ovvero la rete informatica globale creata nel 2009 che permette di effettuare pagamenti senza intermediari (come banche o istituzioni finanziarie) grazie alla sua natura decentralizzata.

I pagamenti avvengono in bitcoin, che è la valuta usata per gli scambi, mentre la blockchain è la struttura dati sottostante, che opera come un registro univoco, coerente ed immutabile di tutte le transazioni.

Ma cos’è esattamente il bitcoin?

Per partire è bene sapere che in circolazione potranno esistere sempre e solo meno di 21 milioni di bitcoin. Ad oggi il sistema ne ha emessi, secondo un calendario predefinito ed immutabile, circa 16 milioni, i restanti 5 milioni verranno emessi gradualmente e con velocità decrescente fino al 2140 circa.

Altra peculiarità, il loro valore è estremamente volatile. Al momento 1 bitcoin vale circa 4mila dollari ma tra due ore potrebbe non essere più così.

Ad oggi sono molti coloro che hanno deciso di investire in bitcoin, convertendo in oro digitale la moneta reale per comprare beni o servizi con bitcoin, spenderli o venderli.

Per acquistare bitcoin è possibile pagare con Expedia, Microsoft, Dell, indirettamente persino Amazon attraverso intermediari.

Comprare dei bitcoin con i propri euro invece è più macchinoso: per trovare buoni prezzi bisogna utilizzare appositi mercati di cambio per fare incontrare domanda ed offerta.

“Il Bitcoin è per il valore economico ciò che internet è stato per l’informazione.” sostiene Giacomo Zucco, amministratore delegato di Bhb Network —  BlockchainLAB, schierandosi apertamente contro coloro che pensano a questo nuovo sistema monetario come a un’opportunità per frodi e operazioni illegali. “è tutto basato su un codice open source- continua Zucco- ovvero aperto a tutti, ma allo stesso tempo su un registro immodificabile.”

Quindi tutti possono vedere cosa fa il codice del sistema ma nessuno può cambiarne le regole in modo arbitrario, nemmeno chi l’ha inventato.

Il bitcoin ad oggi è sicuramente un esperimento in atto, molti hanno deciso di scommettere le proprie finanze in quella che sembra essere l’opportunità futurista per eccellenza nell’economia, ma come esperimento è fallibile per definizione e quindi è anche lecito dubitare della sua riuscita.

“Se il sistema Bitcoin avrà successo, gli impatti che questo sistema avrà sul mondo saranno superiori a quelli della stessa Internet” Giacomo Zucco

Commenti
Nessun commento. Vuoi essere il primo.
Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

"I miei interessi" è il blog di Conto Facto. 

In questo spazio racconteremo storie di persone che hanno creato valore mettendo i loro interessi al centro della loro vita.

Ma parleremo anche di attualità, di futuro, di come star bene, come migliorare la qualità della vita, come dare spazio a interessi e passioni.

Buona Lettura!

 

 

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web
Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web